Enciclopedia A

Enciclopedia di Bricoportale. Termini che che iniziano con “A”

Accetta

L'accetta è un attrezzo con manico più o meno lungo su cui si innesta una spessa lama col filo parallelo al manico.Viene usata prevalentemente per lo spacco lungo vena del legno (legna da ardere e scandole da tetti), o per l'abbattimento degli alberi. Secondo l'uso cui sono destinate, la lama delle accette varia di forma e può essere dotata anche di battente (mazza) posteriore. Il peso della lama varia dai 450 ai 3500 grammi.

Semplice dispositivo usato per tenere uniti assi cilindrici e pezzi vari, come ruote, ingranaggi e simili, mantenendoli folli. È un anello, elastico, in acciaio armonico dotato di naselli che permettono di allargarlo (occorrono pinze peciali) per calzarlo su un asse, generalmente dentro una scanalatura, o di stringerlo per inserirlo dentro un cilindro (tubo, ghiera o altro). In casi particolari gli anelli, interni od esterni, agiscono solo per attrito su superfici non scanalate. A questi si possono assimilare, dato che agiscono nello stesso modo, i fermatubo di filo d’acciaio usati nelle lavatrici e nelle lavastoviglie.

Attrezzo fondamentalmente simile all’accetta ma col filo della lama trasversale rispetto al manico. Generalmente di medie dimensioni viene usata in carpenteria per sgrossare e sagomare le travi e dagli scultori in legno per sbozzare i grezzi.

Particolare rullo per pittura murale che non necessita di essere intinto nella pittura in quanto essa perviene alle setole per mezzo di un tubo di  alimentazione. Il liquido viene spinto verso il rullo da un apposito compressore con serbatoio. Una versione più semplice consiste in un rullo con un lungo manico cavo, dotato di pompa con cui si aspira la pittura e la si invia, con uno stantuffo, verso il rullo.Con questo attrezzo si realizzano tinteggiature rapide e continue senza frequenti interruzioni e riducendo al minima le gocciolature.

E’ il termine più comune per indicare l´insieme di operazioni e di azioni di montaggio e costruzione, che si svolgono quando si realizza un oggetto o un qualsiasimanufatto. Le istruzioni di assemblaggio (o di montaggio) sono usualmente allegate nelle confezioni di varie scatole di montaggio e di tutti i KIT, soprattutto se complessi e di notevoli proporzioni.

Molti materiali da rivestimento (in materia sintetica) presentano una superficie trattata con adesivo, protetto da una carta a da un foglio di plastica. Per l´applicazione basta togliere il foglio di protezione, stendere il rivestimento e passarvi sopra con le mani o una spazzola, dal centro verso l´esterno per eliminare le bolle d´aria. II supporto deve essere ben pulito e sgrassato. Se la superficie da rivestire è ampia conviene farsi aiutare per tenere ben teso il foglio autoadesivo. Esistono numerosi altri manufatti autoadesivi: nastri, attaccaglie (= ATTACCAGLlA), ecc.

Liquido da mescolare con l´idropittura per tinteggiatura di pareti che contrasta e impedisce a lungo la formazione di muffe nei locali in cui vi è una notevole condensa.Nei punti particolarmente attaccati si può applicare il liquido puro a più riprese.

Martello con testa cava o piena di pallini di piombo. Quando si colpisce un oggetto il rimbalzo viene annullato dalla corsa dei pallini che, con un certo ritardo, colpiscono la parte anteriore della cavità. Un martello di questo tipo offre particolare sicurezza d´impiego e una buona precisione di lavoro.